Sunday, August 5, 2012

Il Gelo di Mellone - Watermelon pudding



(English follows)

Ebbene si, mellone con due ELLE! Nella mia cittá natale l'anguria viene comunemente chiamata cosí… Il Mellone "in Italiano"…. U' Muluni in dialetto! :-)
L'anguria, a Palermo regina incontrastata delle cucurbitaceae, sempre presente alla chiusura di ogni pranzo estivo o picnic (in campagna come al mare) che si rispetti. E' possibile gustarla anche nei chioschi improvvisati e non, sparsi ovunque. Inoltre si incontrano per le vie della città i mulunari (venditori di Melloni), rigorosamente in canottiera, con la loro Ape Piaggio carica di angurie ed un piccolo banchetto provvisorio pronti a tagliarti una grossa fetta di anguria da gustare in loco. L'anguria diventa un fresco dessert che prende il nome di gelo di mellone, gustato sia in coppette da gelato che come ripieno in un guscio di frolla. 

Il gelo di mellone mi piace tantissimo e non capisco perché nonostante sia apprezzato su larga scala e gli ingredienti siano reperibili ovunque sia una preparazione prettamente palermitana/siciliana e non molto conosciuta….. almeno non credo venga preparato altrove, confermate?!? La sua preparazione é semplicissima, contiene succo d'anguria, zucchero e amido, che con il calore permette la gelificazione.

I rapporti tra queste tre componenti variano in base alla consistenza finale ed ovviamente alla dolcezza desiderate. Vi scrivo le dosi che ho utilizzato io in base ai miei gusti con qualche commento a seguire.






Ingredienti per circa 12 coppette da gelato:



1.5 litri di succo d'anguria

120g di amido di mais 

150g di zucchero
semini di 1/2 bacca di vaniglia
3 fiori di gelsomino

Inoltre:
cioccolato amaro a scaglie
granella di pistacchio
cannella
gelsomino per decorare

1) Tagliate l'anguria a fette, tagliarne la polpa rossa grossolanamente, togliere i semini, e metterla nel bicchiere di un frullatore ad immersione. Frullare e versare il liquido su un colino posto su una grossa ciotola per separare il succo dalla parte fibrosa. Procedere cosi' fino ad ottenere il quantitativo di succo desiderato. Preparare un infuso al gelsomino mettendo a macerare per 15 min 3 fiori di gelsomino in 2-3 cucchiai d'acqua bollente.

2) Mettere l'amido in una pentola con il fondo spesso ed aggiungere a poco a poco il succo d'anguria mescolando per eliminare eventuali grumi, appena avrete versato tutto il succo aggiungere lo zucchero, i semini della vaniglia, l'acqua al gelsomino e mescolare bene.

3) Scaldare a fuoco basso sempre mescolando finché la soluzione non comincerà ad avere una consistenza densa ed il colore da rosa pallido diventerà di un bel rosso intenso. A quel punto togliere dal fuoco, far raffreddare un pó la soluzione mescolando e versare in coppette monoporzione. Far raffreddare per almeno un paio d'ore.

4) Cospargere prima di servire con del cioccolato amaro in scaglie, della granella di pistacchio ed una spolverata di cannella.

Considerazioni:

- Ho utilizzato l'amido di mais (se lo avete usate quello di frumento) e con le dosi indicate ossia 80g per litro di succo ho ottenuto una consistenza cremosa (che io preferisco a quella budinosa)
Se preferite una consistenza più solida o volete che mantenga la forma una volta tolto da uno stampino aumentate a 90g l'amido.

- L'anguria che ho utilizzato era molto zuccherina quindi ho usato 100g di zucchero/litro di succo (avrei anche potuto usarne 80g ; aumentate lo zucchero anche a 150g se l'anguria non é zuccherina.

Con questa ricetta partecipo al contest dolci al cucchiaio di dolci a gogo



Le vacanze son finite, e nuovamente lascio l'Italia con un nodo alla gola, é un paese bellissimo, intenso. Al mare ho avuto la gioia di veder volare verso il mio obiettivo un gabbiano.....ció mi ha riportato alla mente Jonathan Livingston protagonista di quel famoso libro che mi fece sognare tanto.....tanti anni fa. Con questa immagine vi auguro un buon inizio settimana.



Watermelon Pudding (Gelo di Mellone)




In my hometown the Watermelon, namely the Anguria in Italian is commonly called Mellone. Watermelon, the undisputed queen of the cucurbitaceae in Palermo, always present at the end of each summer lunch or picnic at parks as well as at the sea. It can be eaten in kiosks scattered everywhere as well as by watermelon sellers (Mulunari), strictly in a vest, that with a loads of watermelons in their Ape Piaggio are ready to chop off a big slice to be enjoyed on site to prove the quality of their goods. The watermelon becomes a cool dessert called Gelo di Mellone that is served in cups or as filling in pastry shell.

I really like it and I do not understand why despite being largely appreciated and its ingredients available everywhere is not made outside Palermo/ Sicily….at least I do not think is prepared elsewhere, isn't it?

The preparation of this dessert is very simple, it contains essentially watermelon juice, sugar and starch which allow the gelation with the heat.



The ratio between these three components vary depending on the consistency and obviously the final desired sweetness. I'll write the doses that I have used to my taste followed by some comment.
 
Ingredients for about 12 cups:



1.5 liters watermelon juice

120g corn starch

150g sugar
seeds of 1/2 vanilla bean
3 jasmine flowers

In addition:
dark chocolate flakes
chopped pistachios
cinnamon
jasmine flowers to decorate

1) Cut the watermelon into slices, cut the red pulp, remove the seeds and put it in the glass of an immersion blender. Blend and pour the liquid over a sieve placed over a large bowl to separate the juice from the fibrous part. Proceed so to obtain the desired amount of liquid. Discard the fibrous part. Meantime, prepare an infusion of jasmine by soaking for 15 min 3 jasmine flowers in 2-3 tablespoons of water.

2) Place the starch in a pot with thick bottom and gradually add the watermelon juice, stir to avoid lumps, then add the sugar and the vanilla seeds and mix well.

3) Heat over low heat stirring until the mixture starts to have a thick consistency and the color turns from pale pink to deep red. Then remove from heat, let it cool slightly still stirring and pour the mixture into cups portions. Allow to cool for at least a couple of hours (overnight is better).

4) Sprinkle with dark chocolate flakes, crushed pistachios and cinnamon before serving.

Considerations:

- I used corn starch (if you find it use wheat starch) and with the doses indicated (80g for 1 liter of juice) I got a creamer texture than a pudding. If you prefer that it maintains the shape once removed from a mold increase the starch to 90g for 1 liter.

- The watermelon I used was very sweet so I added 100g of sugar for 1 liter of juice, increase it up to 150g if the watermelon is not so sweet.


Watermelons kept cool in a trough placed in a picnic area. Owners carve their names on the peel.

19 comments:

  1. Cara.. che buono deve essere! Io non l'ho mai, mai assaggiato e tutti dicono che è buonissimo. Amando l'anguria, non fatico a crederci! Che bello quello che dici descrivendo 'la tua Sicilia'. Sono sempre più convinta che questo posto grigio e piovoso non faccia per me... porta nel cuore il tuo gabbiano, pensa che tornerai presto. Inseguilo sempre e vedrai.. tutto andrà a meraviglia! Ti abbraccio!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ely, grazie per l'incoraggiamento, se ti piace l'anguria devi assolutamente provare il gelo, secondo me ti piacera' tanto! Ciao carissima!

      Delete
  2. Ahhh che goloso questo gelo di ... cocomero! Ecco come lo chiamiamo a Firenze ;-)

    ReplyDelete
  3. PS una domanda; lo posso fare un giorno o due in anticipo e tenerlo in frigo? tiene bene?

    ReplyDelete
    Replies
    1. si Giulia, puoi tranquillamente prepararlo un paio di giorni prima.

      Delete
  4. Non conoscevo il gelo di "mellone", ma mi viene subito voglia di provarlo. La cucina siciliana riserva sempre ottime sorprese :-)
    Non si scordano mai i sapori della propria terra ovunque si vada, più ti allontani e più li vuoi risentire. Impossibile cucinare senza attingere ale proprie radici, anche inconsciamente.
    Complimenti. Foto molto belle e bellissima anche la citazione del Gabbiano Jonathan Livingston, hai proprio ragione.

    ReplyDelete
  5. Ciao cara!!
    Anche io non lo conoscevo fino ad un pò di tempo fa ... poi scartabellando un pò di qua e là tra i blog ho capito cosa fosse questo "mellone" ... e sono anche sincera ... non l'ho mai preparato nè mai mangiato!
    Mi ha sempre incuriosito ... quindi prima o poi lo preparerò senz'altro!
    Un bacione

    ReplyDelete
  6. Che dire?? Sono stata una delle fortunate ad assaggiare questo magnifico dessert preparato proprio dalla chef!!! Buonissimo.... freschissimo e sfizioso!! Comunque continuerò a chiamare Cocomero il tuo Mellone!!! :) un bacio enorme

    ReplyDelete
    Replies
    1. Esagerata! ...ma son contenta ti sia piaciuto....da quelle parti avete i gusti difficili! ;-) Bacio :)

      Delete
  7. Ciao, anch'io non lo conoscevo, ma devo provare mi incuriosisce molto!!!
    Complimenti le foto sono stupende, tutte....ma quella del gabbiano è emozionante e sicuramente te la porterai nel cuore!!!
    Baci

    ReplyDelete
  8. non l'ho mai mangiato, mi ha sempre attirato, spero di poterlo assaggiare anche senza andare in sicilia, proverò alla gelateria siciliana che hanno aperto da poco qui in città, forse lo fanno !

    ReplyDelete
    Replies
    1. Se non lo fanno prova a farlo tu, é davvero semplicissimo.

      Delete
  9. ha ha ha da noi si chiama melone con una elle sola ed io lo "amo" tanto! il "gelo" però non l'ho mai assagiato...devo provvedere!

    ReplyDelete
  10. Ogni volta che lo vedo mi dico che devo provarlo.. ma ancora non lo faccio :(
    dev'essere davvero delizioso!
    a presto!

    ReplyDelete
  11. visto che adoro l'anguria non posso che amare anche questo post!!!! :D
    belle ricette...complimenti

    ReplyDelete
  12. Fatto! Ho seguito alla lettera la tua ricetta......veramente buono, grazie

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sono davvero contenta che ti sia piaciuto, grazie per avermelo scritto.

      Delete
  13. ciao, ti ho scoperta grazie ad ElY, è un piacere conoscerti davvero ricette splendide e originali accompagnate da foto magnifiche.
    da oggi ti seguo
    sabina

    ReplyDelete
  14. Ciao letizia, come va? che meraviglia questo gelo...fantastica!!!! ciao a presto!

    ReplyDelete

Sarei felice di leggere un tuo commento :-) Grazie per la visita!
I love to read your comments :-) Thanks for stopping by!

Consiglio: Se non hai un blog, seleziona Name/URL e scrivi solo il tuo nome.
Tip: If you do not have a blog, select Name/URL and just write your name.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...